Culture of the Spirit Festival
Ghatam Giridhar Udupa






Seven Eyes
(Paulo Vinicius e Tanya Wells)







Anandita Basu



Ballerina (Kathak), cantante (Musica Classica Indiana e Sufi).

Anandita ha iniziato a studiare musica e danza indiana alla tenera età di 4 anni. Ha ricevuto il riconoscimento di Sangeet Visharad e di Sangeet Prabakar nella danza, nella musica e nelle tabla. Ha lavorato per prestigiose istituzioni e organizzazioni internazionali al fine di promuovere la musica e la cultura indiana in tutto il mondo. La sua specialità é nella musica sufi e qawalli, che rende il suo stile unico e inconfondibile. Anandita é la fondatrice e direttrice della Fondazione Kalakendra of India in Colombia, che promuove la cultura classica indiana attraverso la musica e la danza.

www.ananditabasu.com
Siddhi Basale




Shakthidhar Iyer






Kinga Malec






Federico Marincola e
Martine Zbylu




"Echa la Vista al Mar"
Canti e danze della tradizione giudeo-sefardita.
In Spagna (Sepharad in ebraico) esistono comunità ebraiche da epoche remote. Durante il medioevo gli ebrei iberici convissero con cristiani e arabi musulmani. I musicisti ebrei collaborarono alla realizzazione di importanti progetti musicali, come le Cantigas de Santa María del re Alfonso X di Castiglia (1252-1284).
Dal 1492 gli ebrei furono però brutalmente espulsi dalla penisola iberica e si trasferirono in altri paesi europei e, soprattutto, nel Nordafrica e nel Mediterraneo orientale. La loro musica è fatta di una base di origine ispanica (il genere narrativo del romance, per es., che sopravvive ancora nelle comunità del Mediterraneo orientale) e di elementi diversi, arabo-andalusi, turchi, balcanici, ecc.. Caratteristica unificante è l’aver mantenuto l’uso del judezmo, vale a dire una varietà dello spagnolo come propria lingua. In questi canti importante è il ruolo ricoperto dalla voce femminile. Gli strumenti musicali sono quelli delle tradizioni locali.
Lo spettacolo al festival propone questo repertorio in una versione per voce, arpa diatonica e "viola da mano" (strumento a pizzico italiano del XVI secolo). Canti d'amore, di speranza e di vita quotidiana ci accompagnano in un viaggio di fantasia in epoche e luoghi remoti.
Martine Zbylut - voce e arpa diatonica
Federico Marincola – viola da mano


Sahaj Group






Indialucia



La musica classica indiana incontra il flamenco.

Indialucía. Un progetto musicale che fonde due affascinanti stili di musica, geograficamente lontani ma culturalmente molto vicini, probabilmente perchè figli di uno storico antenato comune. Improvvisazione e ritmo sono gli elementi in comune, essenziali per creare un'atmosfera coinvolgente, ma anche ricca di poliedriche sfumature. La musica degli Indialucía fa parte di una tradizione risalente al nono secolo, quando migliaia di indiani provenienti dal Nord-est decisero di migrare a Ovest, sbarcando in quella terra magica che era il Sud della Spagna moresca, caratterizzata da una notevole apertura verso altre culture, dove persone con differenti credenze, idee e tradizioni convivevano insieme pacificamente. All'interno di Indialucía, l'album registrato tra il 1994 e il 2004, la combinazione esemplare della chitarra flamenco con il ritmo esatto delle tablas plasma un suono che è un crescendo festoso, capace di creare una cultura comune senza rinunciare ad alcuna identito particolare.

Miguel Czachowski, chitarra flamenco e percussioni;
Avaneendra Sheolikar, sitar;
Sandesh Popatkar, tabla.
Divine Simphony Orchestra





Valeria Vespaziani



Danza Bharatanatyam (Italia)
Miguel Czachowski



Spanish guitar (Polonia)
Jeremy Clancy & Gaspar Hunt



UK
Heavenly River





Oxana Tchijevskaia e Alexander Li



Jazz (Russia)
Carlo Gizzi



Dalle sue eclettiche mani di pianista nascono musica classica e leggera, rock e jazz, arrangiamenti per documentari, teatro, film e pubblicità. Carlo Gizzi si diploma al conservatorio 'L. Refice' di Frosinone nel 2003 in pianoforte classico e nel 2007 in piano moderno, presentando come tesi una rielaborazione al pianoforte dell'album 'Dark Side of the Moon' dei Pink Floyd. La sua attività concertistica, da solista e in formazione da camera, spazia dalla musica classica al jazz, sino alla musica leggera. Ha collaborato alla composizione della colonna sonora dello spettacolo William Blake's Divine Humanity della compagnia teatrale Tev di cui è artista associato e Music Director . E' stato direttore della Scuola di musica 'Narada' e dell'omonima stagione concertistica. Tra le sue ultime produzioni discografiche: "Improvvisazioni su temi di Bach, Mozart e Pink Floyd", Ed. Terre Sommerse 2008 e il nuovo album in uscita, 'L'Amor che Move l'Alte Stelle' lavoro di musica orchestrale e poesia, di cui é coautore insieme a V. Vertunni ed E. Gabriele, produttore e arrangiatore, Ed. TEV 2013.

www.carlogizzi.com
Vilamba



Musica folk-rock che apre il cuore, voci intense e suggestive, melodie che trasmettono gioia e profondità. I Vilamba nascono nel 2006 come 'The Casella Blues Band', e da allora suonano ogni anno nei festival estivi in Val Borbera. La musica é un mix di rock melodico e folk irlandese, con un ammaliante violino che rinforza le tonalità gaeliche. L'attuale nome del gruppo (che in sanscrito significa 'lo spazio tra i pensieri') é stato adottato con l'uscita degli album gemelli 'Dangerous Game' e 'Will you come to Cabella', nel marzo 2011. Dopo una serie di concerti di successo nel Regno Unito e in Italia sono cominciate le registrazioni del nuovo album, uscito nel 2012: 'Vilamba'. Nei mesi scorsi ha preso parte al 'BellavitaTour2012', con tappe Italia, Germania, Svizzera, Francia, Regno Unito, Belgio e Olanda.

Interpreti: Finbar Anslow, testi e voce; Rama Anslow, voce; Josef Brazda, violino; Gory Natale, chitarre; Carlo Gizzi, pianoforte, tastiere e arrangiamenti.

Video 1
Video 2
Facebook
Bellavita tour 2012
Emma Turley



Folk Scozzese (UK)
Voice of the Deep



Victor é un attore e cantautore nato a Londra, attualmente vive in Italia. Dopo la laurea in studi teatrali presso la University of East Anglia ha lavorato a una grande varietà di produzioni teatrali prima di co-fondare 'Theatre of Eternal Values', compagnia teatrale di respiro internazionale. Ha eseguito gli adattamenti musicali delle poesie originali di William Blake, tratte dell'opera "Songs of Innocence and of Experience" (I canti dell'innocenza e dell'esperienza), presentando con la sua famiglia concerti nei locali e nei festival d'Europa, degli Stati Uniti e Cina.

Facebook
Shaina



Poi danza del fuoco Maori
TEV



La compagnia internazionale Tev, fondata da Victor Vertunni svolge la sua attività da 17 anni in tutta Europa, attraverso produzioni teatrali, concerti, festival, laboratori e corsi di formazione nelle scuole e nelle aziende, alla ricerca dello scambio culturale, della sensibilizzazione e comprensione dei valori considerati universali.

Tutti i componenti della compagnia sono artisti provenienti da diverse realtà culturali, uniti dal comune obiettivo di ricercare un dialogo interculturale integrato improntata alla ricerca della verità, alla realizzazione del sè, allo sviluppo di una sensibilità estetica che scaturisca dalla consapevolezza dell'importanza dei principi etici quale fondamento irrinunciabile dell'evoluzione dell'uomo.

Le iniziative hanno un approccio interculturale, proprio perché volte alla formazione ed alla consapevolezza dei valori che accomunano tutte le culture: l'innocenza, la libertà di coscienza, l'uguaglianza ed il rispetto reciproco tra i popoli, etnie e culture, l'onestà e la trasparenza, la generosità, la solidarietà, e la non violenza.

Produzioni recenti:
Breath of the Earth Shakspeare's Women
L'Amor che Move l'Alte Stelle
Eternity in an Hour
Fondazione Mondiale Shri Mataji Nirmala Devi Sahaja Yoga
Associazione di Promozione Sociale Theatre of Eternal Values Italia


  Misuma,
  enlightened
  fashion
  for
  women
  with
  spirit.